Valle del Marecchia

Santarcangelo è a pochi chilometri dall’animata costa romagnola e allo stesso tempo è la porta di una delle valli più suggestive e ancora sconosciute di questa parte d’Italia. I castelli che si ergono su speroni montuosi, i borghi medioevali segnati dalle dominazioni dei Malatesta e dei Montefeltro, le feste di paese, le innumerevoli osterie ferme nel tempo, i percorsi naturalistici e sportivi offrono la possibilità di un soggiorno di cultura, pace e relax.

http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/03/Notturno-Santa-900x500.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/Poggio-Torriana-300x300.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/Verucchio-300x300.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/San-Leo-300x300.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/Talamello-300x300.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/Novafeltria-300x300.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/Maiolo-300x300.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/SantAgata-Feltria-300x300.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/Pennabilli-300x300.jpg
http://www.santarcangelodiromagna.info/wp-content/uploads/2016/02/Casteldelci-300x300.jpg

                                                                

 Valle del Marecchia

Selvaggia questa Valle

quando si impenna verso il cielo con aspri dirupi

dove tenebra e rovi  si avvinghiano ai  loro  versanti scarni e si annidano nei concavi ventri.

 Sulle cime più alte sorgono i castelli

che non da umano ingegno  ma dalle  viscere della roccia paiono  partoriti.

 Si stagliano fieri  nell’oro e nel fuoco  di  tramonti che solo questo  cielo è teatro. 

 Diviene visione la loro magnificenza e  lo sguardo che  contempla innalza il pensiero al sublime.  

Dolce questa Valle  

nel susseguirsi perduto delle colline,

che con morbida vicinanza si sfiorano

e nella bruma si stemperano in un indaco tratto evanescente.

Fatta di incanto questa Valle

 che certo l’avvolse in un tempo ancestrale

e ancor oggi  è a rendere  straordinarie le quotidiane meraviglie: 

l’ ondeggiar  dell’erba  al soffio del vento è  danza di cangianti  inchini,    

l’anima dei borghi si risveglia all’echeggiare di suoni e voci tra antiche mura

e pur nei silenzi  assolati del meriggio vibra la vita;

 il tocco del sole  rende lucenti le zolle brune,

mentre  la quiete della  sera  offre  l’ oblio ad ogni affanno.   

Nostalgia dell’Eden è questa Valle

che  si insinua nel cuore,  come  il Fiume in mezzo alle sue terre.

 Pago del suo compito immutabile, esso scorre  tra  bianchi sassi,

 proteso da millenni  a condurre la sua argentea bellezza

 con solenne pigrizia si  accinge  al mare.

 

Daniela Ceccarelli

Santarcangelo di R. 18 settembre 2014

                                                                                                           

condividi questa pagina

Facebooktwittergoogle_pluspinterest